GITA PORTOFINO

Il comune di Portofino è situato nella parte occidentale del Golfo del Tigullio, incastonato in una delle baie più belle del mondo.
L’intero territorio comunale è compreso nel Parco naturale regionale di Portofino e nell’omonima Area Marina Protetta.
Secondo Plinio il Vecchio, il borgo di Portofino fu fondato durante l’Impero romano col nome di “Portus Delphini” dovuto, a detta degli storici, per la grande popolazione di questi animali (i delfini) nel Golfo del Tigullio.
Portofino è sempre stata celebre quale meta preferita del jet-set internazionale e per aver fatto da coreografia a pellicole ed eventi famosi.
Ad esempio nel 1992 la località compare in alcune scene del film dei fratelli Vanzina “Sognando la California” ed in quello del regista Mike Newell in un “ Un incantevole aprile”
Alcune puntate di “Beautiful” e “CentoVetrine” sono state girate nell’incantevole borgo.
Portofino è stata anche prescelta per l’esibizione del cantante e tenore Andrea Bocelli con la quale sono stati realizzati DVD ed un film dal titolo “Love in Portofino”.

La Piazzetta
La Piazzetta è il simbolo di Portofino ed è unica nelle emozioni che trasmette; famosa per i vip che quotidianamente la visitano, su di essa si affacciano alcuni dei locali storici d’Italia, ritrovo da sempre della “Dolce Vita” e della mondanità internazionale.

Chiesa di San Giorgio
L’originaria struttura può farsi risalire all’epoca dei Longobardi quando nel territorio operavano i monaci di San Colombano.
L’attuale edificio, ricostruito negli anni cinquanta del novecento dopo essere stato distrutto da un bombardamento, riflette la pianta, rivista e modificata nell’importante restauro del 1760.
La Chiesa presenta uno stile romanico ed al suo interno sono custodite le reliquie di san Giorgio, santo patrono di Portofino, portate dai marinai portofinesi reduci dalle Crociate.

Castello Brown
L’edificio nasce come edificio militare in quanto situato in posizione strategica rispetto al Golfo del Tigullio e proprio per questo fine nel XVI secolo la Repubblica Genovese avviò importanti lavori di restauro e ampliamento per una maggiore difesa del borgo marinaro.
Successivamente, nel 1867, la fortezza fu acquistata dal console del Regno Unito a Genova – sir Montague Yeats Brown – e divenne, così, edificio nobiliare; la struttura fu modificata secondo i canoni architettonici e il corredo interno di quell’epoca che portarono ad un innalzamento delle torri, ed alla trasformazione dell’antica piazza d’armi in un giardino pensile.